Una guida al florovivaismo sostenibile

Per un'industria che si affida alla bellezza e all'abbondanza del mondo naturale, le pratiche dell'industria floreale non hanno sempre, se vogliamo essere onesti, onorato le nostre risorse. Ora la marea sta cambiando e floricoltura sta pensando sempre più attentamente ai modi in cui le sue pratiche hanno danneggiato l'ambiente e ai modi in cui possiamo migliorarlo. È un punto di svolta emozionante. Come per tutte le cose floreali, possiamo massimizzare il valore delle nostre azioni verso un florovivaismo sostenibile considerando l'intero ciclo di vita dei fiori che utilizziamo.

Impronte di carbonio

80% dei fiori venduti nei negozi americani sono importati da paesi lontani da gli Stati UnitiPaesi come i Paesi Bassi, la Colombia, l'Ecuador e il Kenya. È una grande impronta di carbonio solo per il trasporto (come, 360,000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica per una vacanza singola grande). Il sito una maggiore impronta di carbonio, tuttavia, spesso deriva dalla coltivazione dei fiori se stessi. Prendere in considerazione le condizioni della casa calda che devono essere mantenuto in un paese come i Paesi Bassi per i fiori recisi convenzionali per prosperare e cominciamo ad avere un quadro delle risorse che una singola fioritura richiede prima di trovare una casa da abbellire.

Un modo per superare tutto questo è quello di unirsi il lento movimento dei fiori e fonte di fiori stagionali e locali, dove possibile. Fate amicizia con i coltivatori biologici del vostro quartiere e vedete quali belle cose stanno coltivando (o potrebbero essere disposte a coltivare). Foraggiate il vostro verde. Trovate un appezzamento in un orto comunitario per coltivare del bestiame. Utilizzate fiori di importazione più calorici che possono sopportare una temperatura di trasporto più alta (come gigli o uccelli del paradiso). Più creativo è possibile ottenere con le risorse che vi circondano, più menti si può cambiare su quali tipi di botaniche possono essere belle.

Plastica e altri rifiuti

Informazioni su Ogni anno vengono prodotte 100.000 tonnellate di plastica per l'industria florovivaistica, di cui solo circa 30 tonnellate sono riciclate. Pellicola di plastica, vasi di plastica, etichette di plastica, imballaggi di plastica, schiuma floreale - ironia della sorte, l'industria è sommersa dall'artificiale. E questo per non parlare degli scarti dei fiori che muoiono durante il trasporto, arrivano danneggiati o muoiono invenduti. Se sei un fiorista che sta pensando di abbandonare la schiuma floreale, sappi che ci sono delle ricerche che dimostrano che i fiori assorbono più acqua quando vengono messi in acqua contenente un conservante floreale rispetto a quello posto nella schiuma.

Come ridurre al minimo i rifiuti?

  • Compostate i vostri rifiuti di biomassa.
  • Creare più vasi e riutilizzabili.
  • Utilizzare meno plastica.
  • Vai senza schiuma e avvolgi le tue creazioni in materiali riciclabili, compostabili o riutilizzabili come la iuta.
  • Esigete che il vostro fornitori utilizzare meno plastica.
  • Fatevi sentire per cambiare le politiche necessarie per abbandonare la plastica monouso come il cellophane. Ha funzionato per i sacchetti di plastica e le cannucce - può funzionare anche in questo settore.

Pesticidi

Perché non consumiamo i fiori nello stesso modo in cui consumiamo cibo, è facile dimenticare che la floricoltura è agricoltura. La floricoltura, tuttavia, utilizza più pesticidi di quasi tutte le altre industrie. I pesticidi sono lo standard nell'industria e poiché i fiori non vengono coltivati per essere consumati, regole i pesticidi che governano i pesticidi sono più rilassati di quanto non lo siano per i prodotti alimentari. Considerate anche che la globalizzazione dell'industria floricola non è stata accompagnato da un accordo mondiale sui tipi di pesticidi che sono ammissibile. I coltivatori in Etiopia e in Kenya, due dei leader mondiali produttori di fiori, continuano a contare su DDT e bromuro di metile - pesticidi che diversi paesi hanno vietato e che il CHI considera dannoso.

La soluzione non molto lineare alla questione della pesticidi, naturalmente, è di andare biologico. L'industria del fiore biologico è in crescita ma non è privo di complicazioni, la più grande delle quali è che la parola "organico" è un termine che è stato definito in modo piuttosto generico. Verificare la presenza di certificazioni "organiche dai fornitori, ma capite che ogni sistema avrà i suoi standard, obiettivi, requisiti e strategie di valutazione della conformità.

Uso dell'acqua

primo piano dell'annaffiatoio - floristeria sostenibile

Gli effetti dei pesticidi sull'approvvigionamento idrico locale sono solo un aspetto della complessa questione dell'uso dell'acqua. Le risorse di acqua dolce sono spesso limitate, ad esempio nei paesi dell'Africa orientale che forniscono una grande percentuale di fiori recisi ai mercati europei.

Se guardiamo alla catena di produzione, possiamo vedere che i retaggi del colonialismo sono ancora molto vivi. Esternalizzando questa industria ad alta intensità d'acqua ai paesi in via di sviluppo, i mercati europei stanno anche esternalizzando la pressione sulle proprie forniture d'acqua ai paesi in via di sviluppo, pressione che spesso crea conflitti tra l'industria e le comunità indigene.

L'utilizzo dell'acqua nell'industria della rosa del Kenya, ad esempio, ha avuto un impatto negativo significativo sulla regione del lago Naivasha, dalla quale è soltanto cominciando a riprendersi.

Se l'acqua è un problema che ti parla, puoi controllare etichette di certificazione per vedere quali sono gli standard per i coltivatori che utilizzano l'acqua. Passare attraverso il Floricoltura Iniziativa per la sostenibilità per informazioni aggiornate sui cambiamenti pratiche nell'industria dei fiori. Informatevi presso i vostri fornitori sul risparmio idrico pratiche. E infine, conservate l'acqua dove potete.

Salute umana

Floristeria sostenibile è sulla salute dei fiori di terra crescono su ma anche sulla considerazione degli altri esseri umani coinvolti nella catena di produzione. Ce ne sono molti ed è importante che li consideriamo. L'esposizione a livelli elevati di uso di pesticidi e le pratiche di sfruttamento del lavoro hanno causato molti danni alle persone che producono i fiori che ci piacciono. Non c'è bisogno di andare molto lontano su Google per trovare storie di condizioni di lavoro spaventose, di estrema povertà e di tassi inaccettabili di malattie tra le persone impiegate per produrre fiori che vengono commercializzati nei paesi più ricchi come decorazioni o anche come opzioni di auto-cura.

La floristeria del commercio equo e solidale è una tendenza in crescita, ma è necessario cercarlo. Come in altri settori industriali come quello del caffè, c'è una correlazione tra l'agricoltura equosolidale e l'agricoltura sostenibile. Se fate i vostri acquisti con uno in mente, avete ottime possibilità di ottenere anche l'altro.

I fiori sono una gioia con cui lavorare e una gioia da dare. Perché dovrebbero venire con costi ambientali e umani nascosti che non vogliamo pagare?

immagine in primo piano: Francesco Ungaroimmagine 1: Michael Fötsch

La guida dei fioristi